il-castello-da-dietrobesenoCastel Beseno dista una ventina di chilometri da Trento. Con l’automobile si può salire fino allo spazioso parcheggio posto a 5 minuti di cammino dal castello, ma è un peccato perdersi la salita a piedi con partenza da Besenello, perché essa permette di contemplare con tutta calma il fondovalle, camminando in sicurezza sul marciapiede appositamente realizzato a fianco della strada.
La passeggiata richiede meno di tre quarti d’ora.
Il castello è però anche raggiungibile dalla strada che collega la valle dell’Adige a Folgaria.

dsc09497Castel Beseno è il più vasto complesso fortificato del Trentino; edificato in età medievale per scopi prevalentemente difensivi, occupa un’intera sommità di un ripido colle che sovrasta l’ampia vallata. Di fronte alla sua massiccia struttura muraria, si percepisce ancora la grandiosità che per secoli ha caratterizzato il castello, capace di sprigionare tuttora un’atmosfera carica di suggestione e fascino.
dsc09514La storia di questo edificio è piuttosto travagliata; dopo essere decaduto a causa dell’aspra contesa tra due fazioni della famiglia Beseno, passò sotto il controllo dell’imperatore Guglielmo II.
Da allora fu teatro di scontri storici, dalle guerre di partito con i Veronesi nel XII e XIII secolo alla battaglia del 1487 fra Trentini e Veneziani; dagli scontri armati tra i Rivoluzionari francesi e gli Austriaci alle due guerre mondiali.
A seguito di un incendio verificatosi nel 1531, i Conti Trapp approntarono numerosi lavori di ristrutturazione con la costruzione, ad esempio, dei caratteristici bastioni lunati, funzionali all’impiego delle armi da fuoco.
Un lungo periodo di decadenza portò il castello al totale abbandono; dopo la donazione alla Provincia Autonoma di Trento nel 1973 vennero immediatamente avviati massicci interventi di restauro.
Ora il grandioso maniero è una delle sedi del complesso museale del Museo provinciale del Castello del Buonconsiglio e ospita manifestazioni culturali e rievocazioni storiche.